Maltempo

Emergenza maltempo a Roma: disagi e scuole chiuse [VIDEO]

cover of 139126644456052ed0a8c88ad2

Continua l’emergenza maltempo a Roma. Anche se nella mattina di lunedì 3 febbraio c’è stata una tregua, rimangono i disagi per l’ondata di piogge che si è abbattuta nei giorni scorsi nella capitale. A causa delle frane e delle esondazioni sono rimaste chiuse alcune strade e diverse scuole. Le insidie per chi si sposta in auto o in moto sono diverse: bisogna fare molta attenzione alle buche nascoste sotto le numerose pozzanghere, il risultato delle piogge intense, che hanno causato anche in alcuni punti della città l’esondazione del Tevere e dell’Aniene. Le zone maggiormente colpite, in questo senso, sono Prima Porta, Ostia e Fiumicino.

Guarda il video e leggi l'articolo

Emergenza maltempo da Nord a Sud: continua l’allerta meteo [VIDEO]

cover of 139109401742852ea690168883

Continua l’emergenza maltempo da Nord a Sud del nostro Paese. L’ondata con intense perturbazioni non diminuirà prima di martedì 4 febbraio. Friuli e Veneto sono le regioni del Nord maggiormente interessate dalle piogge in queste ore, mentre al Sud il maltempo si farà ancora sentire, anche con dei forti temporali, sulla Sicilia orientale, sulla Calabria ionica, sulla Puglia e sulla Basilicata. Continueranno le nevicate sulle Alpi, mentre bisognerà aspettare gli ultimi giorni della settimana appena iniziata per notare un miglioramento. Saranno, infatti, altre le perturbazioni che interesseranno il nostro Paese nel corso di questa settimana, causando piogge e vento.

Guarda il video e leggi l'articolo

Maltempo in Liguria: ritrovato il corpo di un disperso [VIDEO]

cover of 139015154969952dc077daa970

Il maltempo in Liguria ha fatto numerosi danni. C’è stata una grande mobilitazione, grazie alla quale è stato ritrovato il corpo di un medico siriano, che era dato per disperso nel rio Poggio a Bogliasco. I vigili del fuoco, i carabinieri e la Protezione Civile si sono impegnati nelle ricerche e hanno rintracciato il cadavere. Poco tempo prima di questo ritrovamento era stato individuato il misuratore di pressione utilizzato dal medico. La viabilità in Liguria rimane difficoltosa, soprattutto a causa delle frane. Sono 8 le strade provinciali che sono chiuse; inoltre, a causa del treno deragliato, rimane bloccata la circolazione ferroviaria a Ponente tra Albenga e Diano. Il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, ha deciso di accogliere la richiesta di stato di emergenza per la regione.

Guarda il video e leggi l'articolo

Maltempo: a Modena tracima il Secchia, residenti evacuati con l’elicottero [VIDEO]

secchia

L’allarme maltempo continua in diverse regioni italiane, dopo i problemi in Liguria, dove una frana ha provocato il deragliamento di un treno, si registra in queste ore la piena del fiume Secchia, che è tracimato in località Ponte dell’Uccellino, alla periferia di Modena, in Emilia Romagna. La Prefettura ha disposto l’evacuazione di alcune frazioni. Sul posto sta intervenendo un elicottero dei vigili del fuoco del nucleo di Bologna.

Leggi l'articolo

Maltempo in Italia: valanga a Claviere, morto un 15enne

Francia, valanga sul Monte Bianco

Il maltempo in Italia continua ad imperversare. Una valanga a Claviere, in provincia di Torino, sul Colletto Verde, è costata la vita ad un ragazzo di 15 anni, che stava sciando fuori pista. Il suo corpo è stato ritrovato dopo più di un’ora di ricerche. In Alto Adige è tornato a nevicare e anche sul Brennero, ricoprendo le corsie dell’A22. Per motivi di sicurezza sono stati chiusi vari passi. Nel frattempo l’ondata di piena del Po si attesta su livelli di criticità, anche se tutto sembra rientrare nell’ordinario, non destando particolare allarme. A Genova, nella notte fra il 28 e il 29 dicembre, è crollato un muro di contenimento, indebolito dalle infiltrazioni causate dalle piogge e dalla terra bagnata. Sono 24 le famiglie sfollate e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la Polizia municipale.

Guarda il video e leggi l'articolo

Maltempo al Sud, Basilicata e Calabria in ginocchio: morta una donna [FOTO & VIDEO]

Maltempo al Sud: le foto

Imperversa il maltempo al Sud: la Basilicata non riesce a far fronte all’emergenza e ci sono stati numerosi allagamenti in Calabria. La situazione è preoccupante, anche perché per la giornata di oggi, lunedì 2 dicembre, sono previste ancora delle condizioni meteo non positive, con piogge e vento di forte intensità. La Basilicata è in allerta per il possibile innalzamento dei livelli dei fiumi e sono 180 le persone sfollate tra Matera e Potenza. Nelle regioni del Sud del nostro Paese ci sono disagi anche per quanto riguarda la circolazione: sulle strade si sono abbattuti cartelloni pubblicitari e alberi. Nei giorni scorsi la Protezione Civile aveva emanato un avviso di condizioni meteo avverse su gran parte dell’Italia.

  • Allagamenti a Corigliano Calabro
  • Allagamenti a Pescara
  • Allagamenti in Calabria
  • Allagamenti
  • Allagamento in Calabria
  • Auto bloccata in Calabria
Guarda le foto e leggi l'articolo

Alluvione Sardegna: le informazioni e i numeri utili per aiutare

Maltempo in Sardegna: le foto

Dopo l’alluvione in Sardegna si è messa in moto la macchina degli aiuti. Le informazioni e i numeri utili per aiutare sono fondamentali per permettere a chiunque di dare una mano. Persone comuni e associazioni di volontariato si sono mosse negli ultimi giorni per trovare un alloggio a chi è rimasto fuori casa. Sono 37, al momento, le associazioni di volontariato che hanno fornito assistenza e supporto. E’ stato anche attivato un conto corrente solidale, da parte del Comune di Olbia, per la raccolta di fondi, in modo da aiutare la popolazione ad uscire dall’emergenza. Le coordinate per i versamenti sono le seguenti: “conto corrente n. 0540 – 070361388 – Iban it72u 01015 84980 000070361388 – bic (codice swift) bpmoit22xxx. Causale: Comune di Olbia emergenza alluvione”.

  • Carreggiata distrutta
  • Ponte crollato
  • Edifici crollati
  • Fiume in piena
Guarda le foto e leggi l'articolo

Alluvione in Sardegna: polemiche sui fax dell’allerta meteo [FOTO & VIDEO]

mappa sardegna

Sull’alluvione in Sardegna adesso si scatenano le polemiche. L’allerta meteo era stata data in anticipo, ma molti sindaci si sono trovati di fronte all’impossibilità di intervenire, anche per il fatto che i fax di allarme sono arrivati domenica, quando il municipio era chiuso. Non mancano le critiche, come quelle di Angelo Bonelli, leader dei Verdi, che ha fatto riferimento ai programmi edilizi e urbanistici che mettono a rischio il territorio. Le polemiche si fanno sentire sia da una parte che dall’altra e il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, si dichiara sconcertato da quella che, secondo lui, sarebbe una polemica costruita sul nulla.

Guarda il video e leggi l'articolo

Il Partito del cemento e l’alluvione a Olbia: una sfortunata coincidenza?

alluvione olbia

La Sardegna piange i suoi morti, Olbia è stata devastata e conta, oltre alle vittime, danni al momento incalcolabili. Strade, ponti, voragini: il tessuto cittadino è sconvolto e non è solo colpa delle bombe d’acqua. Il territorio cittadino è stato violato e trasformato dagli uomini e, nello specifico, dalla politica, dal “partito della cementificazione“. Il Sole 24 Ore ha puntato l’obiettivo sull’ex sindaco Settimo Nizzi, pubblicandone un duro ritratto. Medico di Silvio Berlusconi, oggi coordinatore regionale ex PdL oggi FI in Sardegna, fedelissimo del Cavaliere, ex deputato e oggi tra i banchi dell’opposizione nel consiglio comunale, Nizzi ha cambiato il volto di Olbia e non in meglio.

Leggi l'articolo

Alluvioni e frane: i morti degli ultimi anni per il rischio idrogeologico in Italia [FOTO & VIDEO]

Alluvioni in Italia: le foto

La tragedia in Sardegna è solo l’ultima di un disastro annunciato. Il passaggio del ciclone Cleopatra e le bombe d’acqua che si sono riversate sulle città sarde non erano prevedibili in tutta la loro forza esplosiva, nonostante l’allerta massima della Protezione Civile. Si sapeva che avrebbe piovuto e molto, non era prevedibile che fosse di tale entità. Un evento eccezionale dunque che si è abbattuto su un suolo già provato: secondo i dati di un rapporto di Coldiretti in Sardegna 306 comuni, pari all’81% del totale hanno zone del proprio territorio a elevato rischio idrogeologico per frane e alluvioni, e non è la sola regione a fare i conti con il dissenso del territorio. Solo nell’ultimo decennio abbiamo avuto almeno un caso all’anno di tragedie legate a alluvioni, frane e smottamenti.

  • Alluvioni in Italia
  • L'alluvione in Sardegna 2013
  • L'alluvione in Maremma 2012
  • L'alluvione a Genova 2011
Guarda le foto e leggi l'articolo

Chi sono le vittime dell’alluvione in Sardegna?

Maltempo in Sardegna: le foto

Chi sono le vittime dell’alluvione in Sardegna? Una strage, potremmo dire: il ciclone che si è abbattuto sull’isola ha seminato morte e distruzione. Case allagate, ponti crollati, vie impraticabili, sommerse completamente. Molte zone sono rimaste isolate, anche per problemi legati all’energia elettrica, e i soccorritori hanno fatto davvero di tutto per cercare di salvare quante più persone è stato possibile. Alcuni, comunque, non ce l’hanno fatta. In tutto ci sono state 18 vittime, fra i quali anche due bambini. La situazione appare, da molti punti di vista, drammatica, anche perché i vigili del fuoco non hanno potuto raggiungere tutte le abitazioni.

  • Carreggiata distrutta
  • Ponte crollato
  • Edifici crollati
  • Fiume in piena
Guarda le foto e leggi l'articolo

Ciclone in Calabria: emergenza maltempo si sposta verso Catanzaro [FOTO & VIDEO]

Maltempo in Calabria: le foto

Il Ciclone Cleopatra si sta spostando verso il Sud Italia, colpendo la Calabria dove si registrano violenti nubifragi e danni ingenti. Le zone più colpite sono la costa ionica e in particolare la zona di Catanzaro, oltre al crotonese e il vibonese. Nella città ionica si registrano le situazioni più critiche con numerose strade allagate e interrotte a causa del fango: molte scuole sono state chiuse per precauzione e in alcune zone manca l’acqua. Frane e smottamenti hanno isolati alcune cittadine della provincia: numerose le richieste di aiuto arrivate ai Vigili del Fuoco anche a Crotone e Vibo Valentia con molte persone rimaste bloccate nelle auto.

  • Maltempo in Calabria
  • Strade allagate
  • Alcuni automobilisti sono rimasti bloccati in auto
  • L'acqua ha riempito le strade della città
  • Una bomba d'acqua a Catanzaro
  • Città sommersa dalle acque
  • La situazione a Cirò Marina
Guarda le foto e leggi l'articolo

Alluvione Sardegna: una tragedia annunciata [FOTO & VIDEO]

Maltempo in Sardegna: le foto

L’alluvione in Sardegna potrebbe essere a tutti gli effetti designata come una tragedia annunciata. Spesso imputiamo la colpa dei fenomeni meteo violenti ai cambiamenti climatici. In realtà non dobbiamo dimenticarci che la responsabilità viene proprio dall’uomo, causa delle più estese forme di inquinamento e della mancanza di tutela nei confronti del paesaggio. Cementificazione e dissesto idrogeologico sono due aspetti profondamente legati.

  • Carreggiata distrutta
  • Ponte crollato
  • Edifici crollati
  • Fiume in piena
Guarda le foto e leggi l'articolo

Tornado negli USA: almeno 6 morti e centinaia di feriti [FOTO]

cover of 13847690749655289e632ebb76

I tornado negli USA continuano a destare preoccupazione. Sono sei le vittime accertate di quella che si configura come una situazione molto pericolosa e altamente distruttiva. Secondo alcune fonti, potrebbero esserci tra 66 e 81 diversi tornado in numerose aree degli Stati Uniti e la forza di distruzione appare maggiormente evidente nell’Illinois, dove hanno perso la vita sei persone. Secondo Laura Furgione, vicedirettrice del National Weather Service Nazional Oceanic and Atmospheric Administration, si tratta di un “pericoloso sistema meteorologico che ha il potenziale di essere estremamente mortale e distruttivo“.

Guarda il video e leggi l'articolo

Tifone nelle Filippine: più di 10.000 morti [FOTO & VIDEO]

Tifone Haiyan nelle Filippine

Il tifone nelle Filippine ha messo in ginocchio un’area molto vasta. Sono serviti diversi giorni per capire che ci sono stati più di 10.000 morti e che 2.000 sono i dispersi, dopo l’ondata di maltempo che si è abbattuta sulla zona. La gente sul luogo ha raccontato di persone che camminano senza meta, in cerca di qualcosa da mangiare, di bambini disperati, di gente che non riesce nemmeno a stare in piedi, tra il fango e i detriti. In totale sono state sei le isole colpite dalla violenta tempesta, la più potente mai avvenuta. La provincia di Leyte è stata fra le più colpite. Secondo il capo della polizia del luogo, circa l’80% della provincia è stato raso al suolo nella giornata di venerdì.

  • Distruzione
  • Abitanti che scappano
  • Abitanti delle Filippine
  • Alberi caduti
  • Mappa della tempesta
Guarda le foto e leggi l'articolo
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08