Terremoto nel Nord Italia: nuova scossa di magnitudo 4,1 in Liguria, paura nel genovese

Terremoto nel Nord Italia: nuova scossa di magnitudo 4,1 in Liguria, paura nel genovese

Foto del terremoto a Parma

Torna a tremare la terra in Liguria. A Genova e nella regione è stata avvertita una forte scossa di terremoto di magnitudo 4,1, registrata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 16.15 a Rezzoaglio, tra la Val Trebbia e la Val Daveto, nell’entroterra genovese al confine con la provincia di Piacenza. Dai dati raccolti la scossa è avvenuta a 10,5 chilometri di profondità. Il terrremoto è stato chiaramente sentito dalla popolazione e subito sono intervenuti gli uomini della Protezine Civile per i controllo. Al momento non si registrano danni a cose o persone.

  • L'epicentro vicino Parma
  • Terremoto in Pianura Padana
  • Terremoto in nord Italia
  • Zone coinvolte dal terremoto
  • Terremoto

27 gennaio: avvertita una scossa anche a Milano. Epicentro a Parma. La situazione nelle città italiane [FOTO&VIDEO]E’ stata avvertita pochi minuti fa una nuova scossa di terremoto a Milano, a Genova, a Bologna, a Torino, a Venezia e in Toscana. Nel capooluogo lombardo e nelle altre città la terra trema nuovamente, pochi minuti prima delle 16, alle 15:53, per dieci secondi, dopo le scosse dei giorni passati. Il movimento è stato forte e prolungato. L’epicentro della scossa, di magnitudo 5.4, è stato individuato a Roccaferrara, situato tra Parma e La Spezia, ad una profondità di 60 km. Ricordiamo che due giorni fa nel Nord Italia sono stati avvertiti diversi movimenti tellurici in diversi luoghi. Dopo Verona, i movimenti sismici hanno interessato l’Emilia Romagna, con scosse avvertite anche in Liguria e in Lombardia.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha spiegato che le scosse sono state sentite fino in Trentino. L’epicentro è stato registrato nel distretto sismico di Frignano. A Milano la scossa è stata avvertita nei piani alti degli edifici. I vigili del fuoco hanno dichiarato: “Stiamo ricevendo moltissime chiamate di persone spaventate che vogliono essere rassicurate e capire cosa è successo esattamente. Si tratta soprattutto di scuole, di dirigenti scolastici ai quali stiamo dicendo di far evacuare le strutture finchè non avremo chiara la situazione di cosa è successo“.

Nella Sala Situazione Italia della Protezione Civile si stanno effettuando delle verifiche per capire se si sono verificati danni a persone e cose. A La Spezia, a causa di una scossa fortissima, sono state fatte evacuare delle persone dai propri edifici. L’assessore comunale alla protezione civile di Genova ha spiegato: “Si è sentita forte nelle zone del centro e levante di Genova. La squadra della protezione civile sta lavorando con i vigili del fuoco e, fino ad ora non ho notizie di grossi danni. Sono in corso verifiche».

Attraverso i social network i commenti sul terremoto si sono diffusi in tutta Italia. Immediatamente dopo la scossa i profili degli utenti si sono arricchiti di informazioni sul terremoto, con indicazioni sui luoghi in cui sono state avvertite le scosse. Una seconda scossa si è verificata alle 16:23. Si tratta di un movimento a 63,6 km di profondità, di magnitudo 2.7. Il comando nazionale dei vigili del fuoco spiega: “Abbiamo notizie di cornicioni caduti da palazzi, le nostre squadre stanno facendo sopralluoghi“. In provincia di Parma è stata evacuata la Reggia di Colorno, a causa della caduta di alcuni cornicioni. In molti paesi risultano interrotte le linee telefoniche, fisse e mobili. Ferrovie dello Stato avvisa tramite Twitter che è interrotta la circolazione sulla tratta Bologna Centrale – Milano Centrale.

Il sismologo Salvatore Barba dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha commentato: “è possibile che ci siano altre scosse dopo quella di oggi, anche più forti. È stato un terremoto particolarmente profondo molto più della media della zona che è di 25-30 chilometri e questo ha sicuramente attutito l’effetto. Ricordiamo che all’Aquila la profondità fu di appena 7 chilometri. La magnitudo è elevata, ma in questa zona sono possibili magnitudo anche più forti, fino a 6 gradi Richter. E vista la frequenza elevata con cui registriamo scosse nella zona è possibile che ce ne siano altre“.

La mappa dell’epicentro

La diretta su Twitter


La situazione nelle città italiane

La situazione all’Isola del Giglio

La nave Costa Concordia, al largo dell’Isola del Giglio, si è mossa solo di pochi millimetri, ma si tratta del normale movimento che, secondo gli esperti, non ha cause da rintracciare nel terremoto di questo pomeriggio. Lo ha spiegato Sandro Moretti, del comitato tecnico per l’emergenza, che ha affermato un riscontro di movimenti millimetrici negli strumenti sismici, ma solo perché questi strumenti sono regolati apposta per queste segnalazioni.

La situazione a Milano e in Lombardia

La scossa a Milano è stata avvertita solo nei piani alti degli edifici, ma in molte strutture sono scattati i piani di evacuazione previsti in caso di terremoto. Per questo motivo sono stati evacuati alcuni uffici pubblici, come la Ragioneria Comunale a Palazzo Marino e la Borsa. Evacuazioni spontanee potrebbero essere avvenute in diverse scuole aperte negli orari pomeridiani, ma i vigili del fuoco non hanno ricevuto segnalazioni a questo proposito. Ad esempio a Garbagnate Milanese è stato deciso di evacuare una scuola materna a causa di alcune crepe comparse nei muri.

In provincia di Mantova, nella località di Viadana, sono avvenuti alcuni crolli. E’ caduta la statua di San Filippo nella chiesa del paese, e ulteriori danni sono stati registrati in altre chiese della diocesi di Cremona. Sempre a Viadana sono crollati dei comignoli e inoltre sono state chiuse la chiesa del Carmine a Sabbioneta e il Duomo di Casalmaggiore. Roberto Formigoni ha spiegato che la Protezione Civile si è allertata immediatamente: “Questa scossa era di magnitudo 5,7 della scala Richter, più forte di quella dei giorni scorsi“.

Disagi a Bologna e nella regione

Il direttore della Protezione Civile dell’Emilia Romagna ha spiegato di non avere segnalazioni relative a danni gravi nella regione: “Dalle verifiche che stiamo facendo al momento non ci segnalano danni. La grande profondità del sisma lavora a nostro favore“. Poi specifica che si tratta “di un evento sismico distinto rispetto all’episodio di due giorni fa“.

Parma è una delle città più vicine all’epicentro del sisma di oggi pomeriggio. Qui la scossa è stata avvertita per quindici lunghissimi secondi. Anche il vice prefetto di Parma, Vincenzo Pasqua, ha specificato che non si tratta di un evento da collegare all’episodio di due giorni fa. Comunque sono in corso le verifiche del caso, ma non ci sono al momento segnalazioni di danni o di feriti. Nessun danno anche a Bologna, dopo la prima scossa è stata sentita in modo molto chiaro.

Sono ancora in corso dei controlli sulle linee ferroviarie, dopo il blocco del transito sulle linee Milano – Bologna. Sulla linea ad altà velocità le verifiche da parte dei tecnici sono terminate alle 16:15 e la circolazione quindi è ripresa regolarmente, anche se nella regione le Ferrovie dello Stato hanno disposto una riduzione della velocità dei treni.

Ha commentato in questo modo il sindaco Luigi Lucchi della località di Berceto: “E’ durato molto più del terremoto di mercoledì scorso, una ventina di secondi. Questa mi è sembrata una stranezza. Ho capito subito che non era una scossa di assestamento ma non pensavo che potesse essere qui l’epicentro. Una grande paura… Mi stanno chiamando in tanti, la gente è per strada ma per ora non ci risultano danni. Ma sto per fare un sopralluogo in giro. Noi abbiamo il duomo del ’700 e a Corchia c’è una chiesetta che non è aperta al culto anche perchè aveva bisogno di manutenzione“.

La situazione in Toscana

In Toscana numerose sono state le telefonate da parte dei cittadini spaventati, ma non sembrano esserci danni rilevanti. A Pisa sono state effettuate delle evacuazioni in uffici e aule dell’ateneo. Per mezz’ora è stata evacuata la biblioteca comunale e un asilo a Empoli. Non ci sono danni gravi o feriti nei comuni della Lunigiana, la zona vicina all’epicentro del sisma. A Pontremoli è crollato un caminetto di una casa abbandonata. La scossa è stata molto forte. Un testimone racconta di aver visto ondeggiare persino i cartelli stradali.

Danni anche a Fivizzano, dove sono in corso ancora i controlli. A Carrara si sono verificate crepe in vecchie case, ma non ci sarebbero feriti. Due cittadini di Massa si sono salvati quasi miracolosamente, quando è crollata una parte del tetto di una chiesa, nei pressi del campanile. Alcuni edifici in città hanno visto la comparsa di crepe, come il Palazzo Ducale.

La situazione in Veneto

La scossa si è sentita anche in Veneto, soprattutto a Verona, ma anche in altre città, come Mestre, Padova, Venezia, Treviso e Vicenza, soprattutto nei piani più elevati. Anche a Verona c’è stata parecchia paura e la gente si è immediatamente riversata sulle strade. Non ci sarebbero comunque segnalazioni di danni o di feriti. Numerose comunque in tutta la regione sono state le chiamate ai centralini dei vigili del fuoco.

1798

Segui NanoPress
Continua a leggere >>
Sommario
  1. Introduzione
  2. Le scosse del 25 gennaio

Lun 05/03/2012 da in .

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Patti Ala 25 gennaio 2012 15:17

Io non ho sentito niente, comincio a preoccuparmi o sono stata protetta dal cielo?

Rispondi Segnala abuso
Andrea 27 gennaio 2012 16:09

avvertita anche a verona l’ultima

Rispondi Segnala abuso
Paolo 27 gennaio 2012 16:09

al settimo piano a milano ha tremato forte..durata pochissimo

Rispondi Segnala abuso
Rya 27 gennaio 2012 16:28

anch’io sono al 7°piano,a Milano,,la scossa si è sentita bene…è una sensazione davverò brutta:( quando cambio casa va bene 1°piano…mai più il 7

Segnala abuso
Aldo Mazzeo 27 gennaio 2012 16:12

Qui in provincia di Bologna alle 15,55 si è sentita la scossa , lievemente. Saluti a tutti.-

Rispondi Segnala abuso
Carlo 27 gennaio 2012 16:12

Forte scossa anche a Lucca….

Rispondi Segnala abuso
Sara 27 gennaio 2012 16:15

Si è sentita anche qui a Venezia!!

Segnala abuso
Nene 27 gennaio 2012 16:21

Si è sentita anche a Livorno, fate conto che la scossa è stata la mia sveglia.

Segnala abuso
NAIR 27 gennaio 2012 16:17

Al 7° piano ho sentito e come!! E questa volta ha durato più tempo, anche se l’ intensità sembrava minore…
Qualcuno potrebbe fare un pò di chiarezza? dobbiamo preoccuparci?
Fosse gossip, tutti canali televisivi parlerebbero…
Dopo non parlare di catastrofe annunciata…

Rispondi Segnala abuso
Anna Maria 27 gennaio 2012 16:17

E’ stata avvertita anche a Firenze e nella provincia – Venerdì 27 gennaio 2012 ore 16.00 circa

Rispondi Segnala abuso
Eddy 27 gennaio 2012 16:20

Io l’ho sentita benissimo (Este, provincia di Padova). In negozio avevo tutta la roba che dondolava sugli scaffali.
Inquietante.
Come quella dell’altra sera inizialmente sembrava una forte folata di vento…
Speriamo che sia l’ultima.

Rispondi Segnala abuso
MARIUSSSSSSS 27 gennaio 2012 16:21

15:54 provincia di Brescia trema tutto, è durato circa 8 secondi

Rispondi Segnala abuso
Anna 27 gennaio 2012 16:27

prov bologna ero sul divano è stata lieve ma ho avvertito la scossa

Segnala abuso
MARIUSSSSSSSS 27 gennaio 2012 17:30

FINALMENTE UNO CHE FA’ SANO ALLARMISMO
(non è ironia la mia…… finalmente quacuno esperto avverte che ci potrebbero essere scosse più forti e indirettamente ma giustamente, mette in allerta la gente che fino ad oggi è stata tranquillizzata da incompetenti del settore………….. Ma vi sembrano normali tutte ste scosse concentrate in poco tempo nel nord Italia, oppure sono avvertimenti prima della scossa più grande?)

CITO:
Il parere del sismologo

Il sismologo Salvatore Barba dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha commentato: “è possibile che ci siano altre scosse dopo quella di oggi, anche più forti. È stato un terremoto particolarmente profondo molto più della media della zona che è di 25-30 chilometri e questo ha sicuramente attutito l’effetto. Ricordiamo che all’Aquila la profondità fu di appena 7 chilometri. La magnitudo è elevata, ma in questa zona sono possibili magnitudo anche più forti, fino a 6 gradi Richter. E vista la frequenza elevata con cui registriamo scosse nella zona è possibile che ce ne siano altre“.

Segnala abuso
Simona 27 gennaio 2012 16:24

Genova – piano fondi – tremavano gli armadi….

Rispondi Segnala abuso
Simone 27 gennaio 2012 16:28

Bologna, 30 minuti fà sentita per qualche secondo…Borgo Panigale

Segnala abuso
Milena 27 gennaio 2012 16:30

Crema, sentita anche qui, durata 8 secondi c.a. movimento ondulatorio e sussultorio..un pò inquietante devo dire, considerando la zona “non sismica”, dicono, senza ricordarsi che tutta l’Italia è sismica…ma…

Segnala abuso
Andrea 27 gennaio 2012 16:24

Scossa sentita anche in proincia di La Spezia verso le ore 16:00

Rispondi Segnala abuso
Luciano Bazzocchi 27 gennaio 2012 16:25

Luciano
A lucca si è avuto un netto movimento orizzontale, circa 4 secondi. Qualche crepa nei muri…

Rispondi Segnala abuso
Federica 27 gennaio 2012 16:25

avvertita anche in provincia di Biella, al piano terra alle 15,58

Rispondi Segnala abuso
Elena 27 gennaio 2012 16:26

a Massa si è sentita fortissimo cosa dobbiamo fare i cellulari non comunicano fra loro solo da fisso

Rispondi Segnala abuso
Nick 27 gennaio 2012 16:27

Sarano altri terremoti? dobiamo preocuparci? acasa mia tremava tutto (padova) !!! qualche informazioni se ci sarano altri terremoti …datene

Rispondi Segnala abuso
Fabio 27 gennaio 2012 16:27

Milano 4 piano , si è sentita, lunga ma non violenta, sembrava ondulatoro, acquario con onde.
Meno male che milano non dovrebbe essere zona sismica

Rispondi Segnala abuso
Skaw 27 gennaio 2012 16:29

8 secondi qui non credo che sia durata così tanto ma si e sentita abbastanza bene, siamo corsi subito fuori!!

Rispondi Segnala abuso
Leonardo 27 gennaio 2012 16:30

Qui a Verona nuova scossa di terremoto alle 16,55 Saluto a tutti

Rispondi Segnala abuso
Diana 27 gennaio 2012 16:34

ma se sono le 16.32 ora.. prevedi il futuro xD

Segnala abuso
Diana 27 gennaio 2012 16:30

allora non sono impazzita, io sono a firenze e ho sentito una leggerissima scossa.

Rispondi Segnala abuso
Fulvio Trapani 27 gennaio 2012 16:31

Io vivo a Trieste (sto all’ottavo piano) e la scossa l’ho sentita, sia pure in modo lieve.

Rispondi Segnala abuso
Sabrina 27 gennaio 2012 16:32

reggio emilia. anzi collina reggiana sentita bene e al piano terra………… epicentro?

Rispondi Segnala abuso
Fabio 27 gennaio 2012 16:39

vicino a parma

Segnala abuso
Vito 27 gennaio 2012 16:34

io sono di lecco e l’ho sentito abbastanza forte

Rispondi Segnala abuso
Sabrina 27 gennaio 2012 16:36

colline matildiche reggio emilia si è sentita bene bene,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

Rispondi Segnala abuso
Gio 27 gennaio 2012 16:42

a loano ai piani alti si è sentita. per strada proprio niente

Segnala abuso
Paolo 27 gennaio 2012 16:39

è un buon segno che continui a tremare la terra e di può muovendosi…almeno va scaricando l’nergia. dove vivo io ce no sono minimo 10 all’anno con intensità tra i 6.4 e i 3 . per non contare i minori…

Rispondi Segnala abuso
Giuseppe Scavello
Giuseppe Scavello 27 gennaio 2012 16:42

azz, ma vivi sopra a un vulcano??

Segnala abuso
Giuseppe Scavello
Giuseppe Scavello 27 gennaio 2012 16:40

fa conto che qui a san bonifacio provincia di verona ero a tavola tranquillo a finire di mangiare quando vedo che incomincio a muovermi sulla sedia più o meno 15:57 durata sui 4 secondi!!

Rispondi Segnala abuso
Elena 27 gennaio 2012 16:40

Qui a Carrara centro …breve ma forte e sono in ufficio al piano terra. Tutti in strada preoccupati!

Rispondi Segnala abuso
Cek 27 gennaio 2012 16:40

Dal Piemonte, provincia di Asti, abbiamo sentito la scossa!

Rispondi Segnala abuso
Manuel 27 gennaio 2012 16:52

San pietro in Caraino, Verona.Scossa durata 3 secondi intorno alle 16, piccolo boato e tanta paura!

Rispondi Segnala abuso
Monica 27 gennaio 2012 17:09

Monica 27 gennaio Grosseto ore16.00 Ero sdraita sul letto e ho sentito come un dondolio! Le cordicelle del mio ventilatore stavano dondolando!

Rispondi Segnala abuso
Stefano Lenzi 27 gennaio 2012 17:24

ero sul letto con la mia compagna e guardavo la televisione ..ma non si è sentito nulla
…si è sentito dalle persone che erano fuori

Rispondi Segnala abuso
Mario 27 gennaio 2012 17:34

FINALMENTE UNO CHE FA’ SANO ALLARMISMO
(non è ironia la mia…… finalmente quacuno esperto avverte che ci potrebbero essere scosse più forti e indirettamente ma giustamente, mette in allerta la gente che fino ad oggi è stata tranquillizzata da incompetenti del settore………….. Ma vi sembrano normali tutte ste scosse concentrate in poco tempo nel nord Italia, oppure sono avvertimenti prima della scossa più grande?)

CITO:
Il parere del sismologo

Il sismologo Salvatore Barba dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha commentato: “è possibile che ci siano altre scosse dopo quella di oggi, anche più forti. È stato un terremoto particolarmente profondo molto più della media della zona che è di 25-30 chilometri e questo ha sicuramente attutito l’effetto. Ricordiamo che all’Aquila la profondità fu di appena 7 chilometri. La magnitudo è elevata, ma in questa zona sono possibili magnitudo anche più forti, fino a 6 gradi Richter. E vista la frequenza elevata con cui registriamo scosse nella zona è possibile che ce ne siano altre“.

Rispondi Segnala abuso
ablardenada
Ablardenada 27 gennaio 2012 21:26

azzzzz……anche al mio paesello che si chiama Piumazzo tra BOLOGNAeMODENA,in prov,di Castelfranco Emilia alle 15,54 si è sentita bene!-ondulatoria direi- e gli esperti che dicono? quale la zona più a rischio?……vediamo di nn ripeterci perfavoreeeee!!!!!

Rispondi Segnala abuso
Jerry 22 febbraio 2012 07:35

Maria 17 gnaenio 2011 Per quanto mi riguarda penso che avere un Teatro a Poggio ci dara molte opportunita per lavorare meglio sul territorio e far passare la cultura della diversita e del volontariato.

Rispondi Segnala abuso
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08