Roberta Ragusa, c’è un nuovo indagato

Roberta Ragusa, c’è un nuovo indagato

roberta ragusa indagini

Tracce “interessanti” che potrebbero portare alla svolta nel caso di Roberta Ragusa. Gli uomini del Ris hanno isolato all’interno della Fiat Panda verde di Antonio Fusi, l’uomo che dice di aver accompagnato la donna in stazione a Pontedera, del materiale biologico. Da queste tracce, non di sangue, sarebbe possibile risalire al Dna da comparare con quello dei familiari di Roberta e avere un quadro della situazione. La scoperta, dicono dalla Procura, potrebbe portare a una svolta nel caso della donna, scomparsa da ormai più di tre mesi. Il materiale è stato trovato all’interno della macchina di Fusi, indagato proprio per permettere analisi e rilievi, così come il marito della donna, Antonio Logli.

Gli inquirenti sperano di riuscire a ricavare il Dna anche perché il mistero della scomparsa di Roberta Ragusa sembra non avere soluzione.

Non ci sono nuovi avvistamenti e gli inquirenti continuano a battere tutte le piste, dall’allontamento volontario, al suicidio e all’omicidio.

Nel frattempo è emerso che i cellulari dei familiari, compreso quello del marito e i due “clandestini” che l’uomo usava con l’amante, nella notte della scomparsa sono rimasti sempre attaccati alle celle di Gelle. Un ulteriore dettaglio che confermerebbe la versione del marito.

10 aprile 2012 – Le ricerche furono capillari solo nelle prime 48 ore
Le ricerche di Roberta Ragusa, la donna scomparsa a Gello di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, sono state effettuate in maniera capillare e adeguata solo nelle prime 48 ore. La rivelazione arriva da un documento inedito del comune da cui sparì la donna e dove sono riportate le attività di ricerca nei due giorni successivi alla denuncia della scomparsa. Poi un avvistamento ritenuto credibile e la sospensione dei mezzi messi a disposizione per battere il terreno alla ricerca di Roberta o di indizi che potrebbero spiegare la sua scomparsa. Solo gli inquirenti hanno continuato a cercare la donna, con uno spiegamento di forze minore rispetto ai primi giorni.

Il documento è una specie di brogliaccio che registra i movimenti di operatori, volontari e forze dell’ordine dopo la chiamata ricevuta dal comandante dei vigili urbani da parte del marito, Antonio Logli.

Sono circa le 11 e vengono messe in campo tutte le forze a disposizione “circa 30 persone con 5 cani perlustravano i terreni circostanti l’abitazione fino alle prime ore della sera“, continuando il mattino successivo con “55 volontari, 4 cani, 9 vigili del fuoco, 2 carabinieri cinofili con 2 cani, 4 carabinieri, 3 vigili urbani“.

Vengono avvisati i pronto soccorso della zona, si estende il raggio delle ricerche, poi una segnalazione, “un avvistamento, ritenuto attendibile, di Roberta all’area di servizio di Firenze Peretola dell’autostrada“.

Le ricerche vengono sospese e si attendono nuovi elementi che non vengono alla luce: passa il tempo e di Roberta nessuna traccia, anche perché solo i carabinieri continuano a cercare. Troppo poco, troppo pochi.

5 aprile 2012 – L’uomo indagato: “L’ho solo accompagnata in stazione”
Dice di averla accompagnata solo in stazione e di non sapere niente. Solo le parole di Antonio Fusi, la seconda persona iscritta nel registro degli indagati per la scomparsa di Roberta Ragusa, scomparsa la notte del 13 gennaio da Gello di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa. L’uomo, un pensionato di 62 anni che abita a Pontedera con i genitori anziani, ha detto agli inquirenti di aver visto la donna in un autogrill verso le 2.30, 3 di notte. “Era vestita di nero, con uno shearling, pantoloni di pelle nera e stivali. Sembrava un po’ di ‘fuori‘”. Fusi dice di averla solo accompagnata in stazione dove l’ha vista salire su una Lancia Y metalizzata.

L’iscrizione nel registro degli indagati è un atto dovuto in modo da poter procedere agli esami alla ricerca di elementi a sostegno del racconto di Fusi e di eventuali tracce della donna.

Gli inquirenti da subito non hanno ritenuto attendibile l’avvistamento, ma hanno comunque effettuato gli esami sull’auto di Fusi. A sostegno del racconto dell’uomo c’è anche la testimonianza delle commesse dell’autogrill che hanno visto la donna entrare vestita di rosa e uscire dal bagno con abiti neri.

Solo gli esiti degli esami potranno dire se a salire sia stata Roberta: nell’auto è stato ritrovato un coltello, “un machete con una lama di 13 centimetri“, come riferisce lo stesso Fusi che per questo è stato denunciato.

Nel frattempo le indagini continuano anche sul nucleo familiare, in particolare sul marito, Antonio Logli che sarà sentito nei prossimi giorni come indagato, dopo che i giudici hanno già ascoltato i figli della donna per capire quale fosse il clima in casa nei giorni precedenti alla scomparsa della donna.

4 aprile 2012 – Indagato l’uomo che la accompagnò in stazione
Novità sul caso di Roberta Ragusa, la 45enne scomparsa lo scorso gennaio da casa a Gello di San Giuliano Terme. La procura di Pisa ha iscritto nel registro degli indagati una seconda persona: si tratta di Antonio Fusi, 62 anni, di Pontedera. L’uomo avrebbe dato un passaggio con la sua auto a Roberta da un autogrill alla stazione di Pontedera: Fusi ha dichiarato agli inquirenti di non essersi accorto che la donna a cui aveva dato un passaggio era Roberta Ragusa. Ad accorgersene sono state alcune dipendenti dell’autogrill che hanno avvisato i Carabinieri. A questo punto è scattata l’iscrizione nel registro degli indagati per permettere gli esami e gli accertamenti sia in casa sia sulla vettura sui cui sedili e poggiatesta sono stati eseguiti i tamponi alla ricerca di tracce della donna.

L’iscrizione di una seconda persona nel caso di Roberta Ragusa è una novità nel caso che fino a oggi vedeva un solo indagato, il marito della donna Antonio Logli.

Antonio Fusi è stato interrogato e ha dichiarato agli inquirenti di aver accompagnato la donna con la sua auto fino alla stazione di Pontedera e di averla vista salire su una Lancia Ypsilon.

Se tornassi indietro mi comporterei diversamente. Ho fatto un favore a una persona e mi sono trovato nei guai“, ha dichiarato l’uomo.

1095

Segui NanoPress
Continua a leggere >>

Dom 15/04/2012 da in .

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Lori 12 marzo 2012 15:24

Non conosco queste persone ma sono sicura che il marito sa più di quanto dice,questa donna non si è allontanata da sola, il marito l’ha fatta sparire, ha programmato tutto prima e sicuramente l’ha sepolta in un posto vicino casa.

Rispondi Segnala abuso
Tania 5 aprile 2012 12:01

Perchè quando si riferiscono ai figli, tutti li chiamano bambini?Sono dei ragazzi, e potrebbero sapere più di quanto possa sapere un ” bambino “?E smettessero di intervistare persone che, per visibilità, inventano storie inverosimili!

Segnala abuso
cesara
Cesara 12 marzo 2012 16:59

L’incidente dello scatolone che cade sulla testa della donna sparita è tutto da capire. Lui sale sulla scaletta per prendere lo scatolone in questione e la moglie dietro di lui pronta a prenderlo. Nell’afferrare lo scatolone, il marito dice che per evitare di esere colpito dalla caduta dello scatolone nell’atto di afferrarlo. è caduto addosso alla moglie. quindi lo scatolone doveva colpire maggiormente il marito e non la moglie. Ammenochè la caduta dello scatolone sia stata studiata e posizionata in maniera tale che in qualche modo doveva cadere addoso alla moglie e non colpire il marito al momento della caduta di esso, il che è tutto dire. Prove tecniche per sbarazzarsi di lei?

Rispondi Segnala abuso
Lara 15 marzo 2012 11:16

sono anch’io del parere che lo scatolene caduto addosso alla moglie sia stato il tentativo di crearsi un’alibi e dire che la moglie aveva perso poi la memoria, la donna stessa ha raccontato alle amiche che gli è sembrato che lui glielo abbia gettato addosso. Poi che lui dica di essersi addormentato senza accorgersi che lei a letto non c’era mi sembra una stronzata, nelle ore della notte ha avuto tutto il tempo di fare quello che c’era da fare per farla sparire, magari non l’ha uccisa in casa, ma altrove.
Ha una faccia quell’uomo, impassibile, troppo impassibile e indifferente trattandosi della moglie, quando parla di lei sembra che parli di una cosa a lui estranea.

Rispondi Segnala abuso
Romina1977 15 marzo 2012 13:58

Non so, io spero veramente che roberta ragusa sia viva, per lei e per i suoi due figli….ma non so…
Il Logli mente, questa per me è una certezza. E’ chiaramente una mia opinione personale.
Troppi punti che non tornano:
NON SO DIRE SE MIA MOGLIE HA DORMITO O NO NEL LETTO CONIUGALE
NON HA CAPITO SE LA MOGLIE HA CONDIVISO IL LETTO CONIUGALE CON LUI PERCHè SPEGNENDO LA SVEGLIA ALLE 7 DALLA PARTE DI SUA MOGLIE HA SPIEGATO LE LENZUOLA…E PER QUESTO NON CAPIVA SE AVEVA DORMITO LI’ OPPURE NO
FANNO SPARIRE I LORO CELLULARI
io ho più che qualche dubbio sull’ innocenza di quest’ uomo.
La mia paura più grande è che che lei non ci sia più…che abbiano occultato il corpo da qualche parte nei paraggi….anche perchè a casa c’erano i figli…uno di 15 anni e una di 10. Per quanto tempo il Logli avrebbe potuto lasciarli da soli…
Con i bambini non si sa mai, può sempre capitare che si sveglino durante la notte…
A meno chè come qualcun’ altro ha già scritto, non si sia fatto aiutare…cosa molto, molto probabile…
Una cosa sola mi sento di scrivere….ed è per roberta: OVUNQUE TU SIA, VIVA OPPURE NO, ORA SIAMO IN TANTI A VOLENTI TANTO BENE.

Romina Milano

Rispondi Segnala abuso
Manuela macchia 16 marzo 2012 11:50

Manuela
16 marzo 2012 11:35
chissà perchè spariscono sempre le mogli e non i mariti!!!
spero che Roberta sia in un bel posto al sole, alla faccia di quel marito di ghiaccio che si ritrova
mi dispiace solo per i suoi figli, sono convinta che tutta la famiglia del marito sappia molte cose.

Rispondi Segnala abuso
Guglielmo 24 marzo 2012 12:19

Sono un Radiestesista molti vorrebbero che Roberta si trovi, anche io, però chiacchiere non portano nulla di positivo,veniamo alla mia ricerca di roberta non è più tra noi, potrebbe però stare nel giardino di casa, perche non controllare? mi risulta che dalla stanza da letto di Roberta in un raggio di 20 metri si troverebbe la soluzione, lo spero Guglielmo. Vorrei con pochi suggerimenti darvi una dritta! su internet proteste avvicinarvi alla conoscenza della ricerca tramite radiestesia cosi non direste cose infondate.

Rispondi Segnala abuso
cesara
Cesara 26 marzo 2012 11:45

Se lei è convinto che Roberta sia morta e suggerisce di scavare nel giardino di casa. vuol dire che quando il marito dice di essere sceso nell’autoscuola, in realtà abbia fatto qualcos’altro e non solo andare nell’Autoscuola. Comunque visto che le ricerche in casa, fatte dai carabinieri sono risultate negative forse significa che il marito l’abbia uccisa semplicemente strangolandola, modo pratico e senza lasciar tracce. Tentiamo di ricostruire la dinamica dei fatti. La moglie si appresta ad andare a letto, prende la bambina, solita dormire nel lettone e la porta in camera sua. Il marito dice che lui andando a letto ha lasciato la moglie fare la lista della spesa.Prima punto da capire: Se la moglie si appresta ad andare a letto come può pensare di fare la lista subito in quel momento? Se veramente fosse così, la moglie è in cucina ed è tutta intenta a scrivere. A questo punto per il Marito è facile avvicinarsi alla moglie e a sua insaputa e arrivando da dietro la prende per il collo e la strangola. Quindi la moglie potrebbe trovarsi seppellita nel giardino, oppure portata chissà dove e sepolta da qualche parte.

Segnala abuso
cesara
Cesara 27 marzo 2012 16:31

Dopo due mesi? E’ dove e è stata prima per non farsi vedere? In che stato era chi dice di averla vista? Mah… Sembra più un depistaggio che altro. Non si sà ase credere a questa svolta.

Rispondi Segnala abuso
Margherita 28 marzo 2012 15:42

Io conosco queste persone, di vista, per il lavoro che fa roberta in autoscuola, conosco i suoceri, tutti li conoscono. Se Roberta è viva, come spero tanto, ha voluto punire in prima persona il marito, l’amante (che non vivrà mai più bene , lei ha preso in giro in tutti questi anni sia Roberta sia i suoi figli) e i suoceri.
Con l’allontanamento da quella casa ha senz’altro fatto capire a tutti in quale stato sia morale che psicologico viveva, stando lì. Ha fatto capire quello che le spetta per una separazione e non solo la custodia dei figli ma anche i beni materiali ai quali lei in prima persona ha contribuito e non poco allo sviluppo e alle rendite familiari. Spero tu sia da qualche parte anche lontano, i tuoi figli stanno bene anche se vorrebbero rivederti e stare con te, sono abbastanza grandi da capire il dolore che il babbo e gli altri ti hanno portato a fare questo. Non voglio nemmeno pensare lontanamente che possano averti levata di mezzo…… A presto.

Rispondi Segnala abuso
Diana 2 aprile 2012 12:18

diciamo che io penso che il suocero o la ‘amante sappiano qualcosa….mi immagino che abbia sentito il marito fare l’ultima chiamata a sara …sia uscita e abbia voluto affrontare l’amica …..il marito abbia capito .per non lasciare i figli soli abbia mandato il padre….bisogna cercare nella casa di sara………….

Rispondi Segnala abuso
Franco 7 aprile 2012 18:34

Le tue supposizioni sono molto confuse, praticamente il Logli si sarebbe incontrato con lamante?? Bisogna cercare nella casa di Sara?? E che ci sarebbe nella casa di Sara?
Sara non vive da sola ma con i Genitori e familiari e credo proprio che non abbia piena disposizione di della casa…dove vive soltanto! e a quanto sembra la sera della scomparsa non si è allontanata da casa…

Segnala abuso
Cinzia 4 aprile 2012 15:53

….io ho degli strani presentimenti, credo che questa donna purtroppo nn sia più in vita, anche questo avvistamento mi sembra poco credibile……ma durante il supposto tragitto in macchina questa donna nn ha raccontato nulla??? E poi è sicuro questo automobilista che sia lei??? Troppi ma e troppi se…..

Rispondi Segnala abuso
Nadia 7 aprile 2012 18:38

Io ho qualche dubbio sull’allontanamento di Roberta, una madre non scompare così nel nulla con lo scopo di farla pagare al marito, una madre non lo fa, potrebbe pensare di andarsene ma il pensiero dei figli la trattiene, una madre si allontana se soffre di patologie depressive e in questo caso l’aver scoperto che il marito ha un’ amante è stato una batosta per lei, piuttosto mi insospettisce il marito, così freddo, la storia poi della caduta accidentale è strana. La scorsa settimana hanno parlato di un inceneritore al quale il marito ha accesso, di un furgone aziendale che utilizzava, comunque un’altra donna che si aggiunge ai casi Melania, Lucia, Yara, Sara.

Rispondi Segnala abuso
cesara
Cesara 7 aprile 2012 22:27

Antonio Fusi non la racconta giusta. Perchè Francesca Ragusa voleva andare alla stazione? Lei esce di casa in pigiama, addirittura, e vuole andare alla stazione? a che fare e perchè così vestita, in pigiama, ripeto. Ammenochè Francesca sfogandosi con Fusi una volta presa in maccchina costui l’abbia consigliata di andarsene da casa per un pò, aiutandola anche economicamente per potersi comprare almeno un vestito e qualcosa per le necessità immediate. Mah!

Rispondi Segnala abuso
Diletta 9 aprile 2012 07:12

Ma che bella personcina la signorina Sara : sta a contatto di gomito con Roberta OTTO ORE AL GIORNO e a lei, forse.Roberta fa delle confidenze circa il rapporto con il marito:! A questa “amica” ha affidato i figli, l’ha assunta come segretaria, l’ha portata a fare le vacanze con la famiglia!
Ma ancora va in giro sta Sara? nn si vergogna? Io le consiglio di cambiare città!

E che bella persona è il marito che ha creato una situazione del genere!!! Come può guardare in faccia i figli, a prescindere che sia colpevole o no di omicidio?

Ma perchè nn hanno visto nel pozzo del giardino di casa ??? LO STESSO SUOCERO LO CHIEDE!

Rispondi Segnala abuso
Nat. 10 aprile 2012 12:12

E anch’io la penso come Lori, e credo che la lista della spesa sia stato il suo ultimo lavoro da viva, poi il marito da dietro l’ha soffocata, nel silenzio della notte messa nel sacco della spazzatura, che il camion la mattina si è portato…quello pare un iceberg !!
E per i figli spero tanto di sbagliare, perchè avrebbero perso i genitori in un sol giorno, ma purtroppo fino ad ora le mie sensazioni sono sempre state azzeccate!! Se avesse scoperto chi era l’amante avrebbe fatto un ‘casino unico’ , se avesse perso la memoria avrebbe girovagato ma tutti l’avrebbero vista, l’allontanamento volontario si fa pensando bene a dove si va e ci si porta almeno l’indispensabile e soprattutto i figli!!

Rispondi Segnala abuso
Guglielmo 12 aprile 2012 14:05

12-04-2012 ore 13:33 ROBERTA RAGUSA
Comincio ad avere dei dubbi leggendo le ultime New ho il sospetto che molti fatti di cronaca vengono pilotati da persone senza scrupoli alla luce delle storia come quella del barbone con una macchina schifosa dove secondo parecchi personaggi, forse credono a babbo natale Roberta Ragusa
non avrebbe acconsentito di salire sulla vettura.
Qui siamo tutti responsabilità perché dobbiamo salvarci dalla delinquenza, menzogne gratuite,
abbiamo famiglia figli da difendere siamo sbandati muoiono ammazzati ricchi e poveri.
NO POI NO Logli tu sai puoi spiegarti meglio, tuo padre altrettanto, tua madre pure, la bimba di anni ventotto anche lei ingenua come una farfalla, allora mettetevi d ‘accordo.
colpevoli innocenti ? confessate, se siete innocenti non accettate persone ex amiche vi voltino lo sguardo vi allontanino disprezzata mente, ribellatevi in positivo o negativo a voi la scelta.
Fate che quella bellissima donna madre,signora, e lavoratrice leale,possa avere pace e lasci un buon ricordo per i figli.
Guglielmo

Rispondi Segnala abuso
Cristina 16 maggio 2012 16:01

se fosse lei che vagaa come una barbona e racconta di essere andata via dalla famiglia ,certamente il figlio piu’ grande sa qualcosa o addirittura ha detto cose brutte alla madre ,roberta puo’ essere stata piu’ delusa dal figlio che dal tradimento del marito …. cristi 67

Rispondi Segnala abuso
cesara
Cesara 18 maggio 2012 16:27

Se nel pozzo non si trova niente, perche i carabinieri non vanno a vedere se veramente nella discarica a cui ha accesso Logli, esiste un ceneritore. e propendere anche in questa direzione per la svolta del giallo di Roberta, cioè che sia finito lì il suo corpo ? Se cosi fosse, ci troviamo di fronte ad un delitto perfetto, visto il tempo che è passato è molto probabilmente non ci sarà più nesssuna traccia della sua scomparsa. Comunque Chi l’ha visto?. nell’ultima puntata si è soffermata molto sulla fine della recinzione del giardino di Logli e ha detto che i cani hanno abbagliato molto in quel posto ed incominciando a farlo dal punto dell’autoscuola. Il radiestesista dice che nel raggio di 20 metri si dovrebbe trovare la soluzione del caso, si potrebbe supporre che i cani abbagliando dall’autoscuola ai confini del giardini della famiglia Logli , in quel punto deve essere accaduto qualcosa. Inoltre Chi l’ha visto? ha puntualizzato molto quanto detto dal Logli “A quell’ora….” facendo pausa, da far capire che si sarebbe compromesso in qualche modo, se vesse continuato a parlare. Intuizione giusta.Anche noi abbiamo percepito questo messaggio. Ora si deve capire cosa è successo in quel punto del giardino fose è li che è accaduto l’rreparabile?

Rispondi Segnala abuso
cesara
Cesara 19 maggio 2012 13:24

Per lasciarsi tutto dietro le spalle era necessario farlo di notte con tanto freddo e a quanto pare visto che non manca quasi niente del suo guardaroba, senza portarsi niente dietro? Non ci credo che la persona somigliantissima a Roberta, a quanto pare. fosse veramente Roberta.

Rispondi Segnala abuso
Giuseppe 23 maggio 2012 10:58

Quando una persona scompare e non torna piu’ c’e’ sempre un motivo.Non capisco come qualcuno parli ancora di allontanamento volontario,l’avrebbero gia’ ritrovata,credo io. Sulla possibile colpevolezza del marito se la donna e’ morta non possiamo dire nulla,non ci sono le prove ma secondo me il marito e’ colpevole perche’ allora distruggere i cellulari?Certi gesti,certi comportamenti o atteggiamenti sono tipici di una persona che ha molto da nascondere,ha avverito tardi i carabinieri non ha partecipato alla fiaccolata,non l’ha cercata ha distrutto i cellulari c’e’ un vecchio proverbio che dice:chi e’ in sospetto e’ in difetto…

Rispondi Segnala abuso
Guglielmo 3 giugno 2012 18:06

COMMENTATE QUESTO FATTO
POTREBBE INCHIODARE IL VEDOVO

Roberta finita dentro l’inceneritore, ho scritto molte volte non credevo di sicuro, il vedovo è responsabile, sono tre casi in cui ho seguito con passione, Yara Gambirasio, Roberto Straccia, Melania Rea. Difficile fermare la mente del vedovo, la trasmissione del pensiero è normale, sicuro che molti di voi abbiano avuto personalmente o con amici questa esperienza più volte, anche Parolisi quando era solo in automobile i monologhi fatti tra se e se senza sapere, o sapere ? che deviava i fatti. Agli inquirenti stessi forse senza filtrare venivano a crearsi problematiche inaspettate tra loro creando confusione mettendoli in guardia dal vedovo bugiardo.
L’ inceneritore mi ritorna come possibile. Guglielmo B.Y. 03-06-2012 14 17:45

Rispondi Segnala abuso
Nina 1 ottobre 2012 16:57

Se ricordo bene, mi sembra che il marito verso mezzanotte prima che scomparisse Roberta era andato nell’autoscuola a parlare con l’amante.
Può essere che, una volta tornato mentre R. era a stilare la lista della spesa, lo abbia raggiunto in camera per tentare o un riavvicinamento o per chiedere spiegazioni sul fatto che uno verso mezzanotte senta la necessità di andare in autoscuola per mettere a posto?.
Nella prima ipotesi, se vi è stato un rifiuto da parte del marito, ci credo ad una scomparsa volontaria (ti crolla il mondo sentirsi rifiutata da chi si ama….) nella seconda può essere accaduto il peggio che spero non sia stato mai.
E’ solo un mio pensiero.

Rispondi Segnala abuso
Roberto 12 ottobre 2012 13:41

Non capisco come nel 2012 non si riesca distinguere un raro caso di scomparsa (che per lo più avviene con gli anziani ultraottantenni ammalati) o per dispetto (da parte di minori per liti in famiglia) da una scomparsa per palese “delitto” consumata in danno di chi vuol farci credere nella semplice “scomparsa”…. Guarda caso tutti gli episodi definiti con questo termine “scomparsa” che riguardano Melania R. Roberta R. Lucia M. e la 74enne siciliana della prov. di CT hanno in comune una cosa fondamentale: trasgressione e infedeltà coniugale e liti accese in famiglia….e allora????
Quando ci sono questi episodi è inutile cercare le persone (purtroppo) da vive, occorre procedere ahimè speditamente, al loro ritrovamento da vittime massacrate e uccise!!!!!!

Rispondi Segnala abuso
Roberto 15 gennaio 2013 18:00

volete scoprire la verità?? mettete il marito in galera e vedrai che scoppia in 6 mesi!

Rispondi Segnala abuso
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08