Milano, scende dalla torre Oliviero Cassini in protesta da tre mesi

Milano, scende dalla torre Oliviero Cassini in protesta da tre mesi

oliviero cassini torre milano

Oliviero Cassini, che era diventato l’uomo simbolo della protesta degli ex Wagon Lits, è sceso dalla torre faro della stazione centrale di Milano, dove era salito l’8 dicembre per protestare contro la decisione del taglio dei treni notte delle ferrovie e quindi contro gli esuberi di personale che si erano venuti a creare. Assieme a lui erano saliti due colleghi, che poi hanno abbandonato la protesta. L’uomo è sceso dalla torre faro del binario 21 intorno alle 5:30 di venerdì mattina.

A casa lo aspettava da quasi tre mesi la sua bambina di otto anni Laura, che non ha la mamma, morta di parto. Sulla torre rimane adesso un altro dipendente delle ferrovie, Stanislao Focarelli di Voghera, che è salito per protesta il 3 febbraio scorso. Oliviero Cassini è dovuto scendere per necessità, sembra infatti che abbia bisogno di effettuare degli accertamenti medici.

Per il momento non si sa che cosa vogliono fare gli altri lavoratori colleghi di Cassini. Non si sa se procederanno a sostituire il collega sceso. Per il momento è in corso un’assemblea presso il binario 21, dove è stato allestito un campo di sostegno a favore di coloro che manifestano il loro dissenso sulla torre.

239

Segui NanoPress

Ven 24/02/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08