Microspia rivela i piani di Don Verzè: il capo del San Raffaele aveva le cimici in ufficio

Microspia rivela i piani di Don Verzè: il capo del San Raffaele aveva le cimici in ufficio

san raffaele milano

Nuove indiscrezioni intorno al buco miliardario nel bilancio della struttura milanese del San Raffaele, Don Luigi Verzè, il gran capo dell’ospedale, aveva le microspie nel suo ufficio. E dunque dalle intercettazioni ambientali emergono le conversazioni con Nicolò Pollari, l’allora direttore dei servizi segreti militari (Sismi),le difficoltà politiche dell’amico comune Silvio Berlusconi, della scalata alla Bnl e dei controlli fatti su Stefano Ricucci a favore di Sergio Billè.

Dopo il suicidio di Mario Cal si arricchisce di una nuovo particolare, la querelle intorno al San Raffaele di Milano.

L‘indagine in corso dovrebbe essere un rivolo di quella sulla maga Ester Barbaglia per presunto riciclaggio del denaro del clan calabrese dei Morabito. La Barbaglia alla fine del 2004 aveva creato, nello studio di Enrico Chiodi Daelli, notaio storico del San Raffaele, una Fondazione con un patrimonio di 28 milioni destinato alla Fondazione Monte Tabor di don Verzè. È il nesso, probabilmente, alla base delle intercettazioni.

232

Segui NanoPress

Lun 28/11/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08