Erika De Nardo torna libera 10 anni dopo il delitto di Novi Ligure

Erika De Nardo torna libera 10 anni dopo il delitto di Novi Ligure

Erika De Nardo

Erika De Nardo torna libera dieci anni dopo il delitto di Novi Ligure. La ragazza che nel 2001 massacrò a coltellate la mamma Susy Cassini e il fratellino Gianluca lunedì lascerà la comunità Exodus e sarà libera. Come Omar Favaro, autore della strage insieme a lei, uscito dal carcere da mesi. Erika oggi è una donna, ha 27 anni. Tornerà a casa dal papà, passerà il Natale con lui. Il signor De Nardo ha avuto una forza impressionante nel perdonarla, nel rimanerle vicino nonostante avesse sterminato il resto della famiglia.

Erika non lascerà del tutto la comunità Exodus ma continuerà a fare del volontariato. Lo fa sapere Don Antonio Mazzi, il fondatore: “Erika rimarrà presso la nostra comunità anche dopo che sarà libera. Non so ancora se nella sede in cui si trova ora, nel Bresciano, o altrove. Ma continuerà a lavorare nel volontariato. Come mi ha detto lei stessa vuole continuare a capirsi, a maturare”.

Erika ha scontato la sua condanna per duplice omicidio prima nel carcere minorile Beccaria di Milano e poi a Verziano, vicino Brescia. Infine è stata accolta da don Don Mazzi, il quale vuole evitare un assalto mediatico: “La comunità ha bisogno di silenzio e di tranquillità. Non vogliamo giornalisti”.

Chissà se presto vedremo Erika in tv, circondata da giornalisti, criminologi, opinionisti. Come Omar, intervistato a Matrix. Quello che sembra sicuro è che i due si eviteranno. L’ultima diatriba a distanza risale a pochi giorni fa, sulle pagine del settimanale Gente. Lui che le chiede le motivazioni del massacro, dell’odio. Lei che lo invita a smetterla di farsi pubblicità. Eviteranno di incontrarsi anche per non rievocare vecchi fantasmi.

352

Segui NanoPress

Ven 02/12/2011 da in .

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08