Agrigento, agricoltore muore sbranato dai cani

Agrigento, agricoltore muore sbranato dai cani

agricoltore campobello di licata

Calogero Profeta, agricoltore di 73 anni, è stato sbranato da due cani mentre era in procinto di entrare nella sua casa di campagna in contrada Burginisi, a Campobello di Licata, in provincia di Agrigento. I cani, probabilmente di razza Corso, sarebbero scappati da una villa che si trova lì vicino. L’uomo era appena sceso dalla sua automobile e stava aprendo il cancello della sua abitazione. All’improvviso i cani lo hanno assalito e gli hanno inflitto diversi morsi in varie parti del corpo.

Subito sono arrivati i soccorsi per l’agricoltore, il quale è stato portato presso l’ospedale di Canicattì, ma non ce l’ha fatta a sopravvivere, perché ha perso molto sangue. E’ infatti arrivato all’ospedale già deceduto.

Sulla scena dell’aggressione anche un carabiniere, il quale si è premurato di chiamare i soccorsi e che ha visto anche una parte della vicenda, proprio nel momento in cui Calogero Profeta è stato aggredito dagli animali. I cani sono stati sequestrati dalla Procura di Agrigento e per il momento sono stati affidati al loro proprietario. Sarà il veterinario dell’Asp a decidere se abbatterli oppure no.

Livorno, camionista sbranato da cani randagi

Si indaga sulla morte di un camionista di 50 anni, Vito Guastella, sbranato da alcuni cani randagi e trovato morto questa mattina per terra in via dell’Arnaccio, a Collesalvetti, in provincia di Livorno. Ancora da chiarire se la causa della morte sia stato l’attacco da parte dei cani, circa dieci, oppure se abbia avuto un malore e poi in seguito sia stato sbranato. La vittima lavorava per la ditta Marco Polo e, dalle prime ricostruzioni dei Carabinieri, stava agganciando il rimorchio quando ha subito l’attacco da parte dei cani. A trovarlo sulla strada è stata la donna delle pulizie dell’azienda che ha avvisato i soccorsi e le forze dell’ordine.

La morte del camionista però non è ancora chiara: i Carabinieri hanno fatto le prime indagini e sul posto sono intervenuti anche i militari per i rilievi e il medico legale Damiano Marra.

Dai primi dati racconti l’uomo avrebbe cercato di fuggire dai cani, ma non sarebbe riuscito a scappare, finendo così sbranato. Solo l’autopsia sarà in grado di individuare la vera causa del decesso.

408

Segui NanoPress

Dom 22/04/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
cesara
Cesara 28 febbraio 2012 16:04

Che brutta morte pover’uomo. lo sconforto ti prende, anche se non è un tuo familiare o un conoscente. Che si sarebbe potuto fare nell’immediato, per evitargli una fine così orrenda. Se pensiamo che un incidente del genere potrebbe capitare capitare ad ognuno di noi, lo sconcerto è tanto.

Rispondi Segnala abuso
cesara
Cesara 22 aprile 2012 12:04

Forse è il caso di proibire una volta per sempre di tenere cani del genere. Ormai sono tanti i casi di persone attaccati da cani feroci di alcune razze che l’uomo tiene con se. Purtroppo il comportamento di questi cani non è mai prevedibile, perciò rimane l’unica cosa da fare,non considerarli come animali domestici. ma vere bestie feroci, prendendo provvedimenti.

Rispondi Segnala abuso
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08